Sport

Stefano Laudoni: cuore, anima e basket

Stefano Laudoni: cuore, anima e basket

Intervista esclusiva a Stefano Laudoni, giocatore di basket della Vigevano 1955

STEFANO LAUDONI, Roma, classe 1989, giocatore di basket, cestista italiano. Oggi vive a Milano e gioca nel Vigevano 1955.

Vince la Super Coppa di Serie B come MVP, Giocatore di maggior valore. Riconosciuto “Il califfo della pallacanestro” e come disse Dan Peterson “il Michael Jordan della cadetteria”. Laudoni è tosto, solido, talentuoso.

Un ariete che parte e abbatte l’ostacolo, ma quando incontra un altro ariete si sposa. L’amore della sua vita la bellissima Giorgia Crivello, una coppia da copertina, seguitissimi sui social, belli così possono fare ciò che vogliono.

Tosto, solido, talentuoso, un ariete in campo, giocatore di maggior valore, cosa sei pronto a dimostrare ancora?

“Ho ancora tanta passione e tanto amore per questo sport, ho un fuoco dentro che arde e finché quella fiamma non si spegnerà continuerò a lottare ogni santa domenica. Perché una passione è una passione”.

Per dare il massimo in campo di cosa hai bisogno?

“In campo provo sempre a dare il massimo, ovviamente più c’è competizione e più riesce a uscire il meglio di me. La cosa più importante però è la squadra, il gruppo e anche il contesto in cui ti trovi. Un pubblico come il mio di Vigevano ti spinge ancora di più”.

Che bambino era Stefano?

“Un bambino che aveva grandi sogni, che voleva fare sport e che un po’ alla volta ha trovato la sua strada anche dovendo abbandonare la sua terra d’origine, la Calabria, per realizzare il suo progetto. Ho una bellissima foto assieme a Matey Kaziyski scattata nel 2012 al palazzetto di Vibo Valentia. Sembra incredibile, ma adesso gioco con lui”.Ahah che bella domanda… ero un fiume in piena, non mi fermavo mai, vivace, irascibile non sempre facile da gestire. Ricordo le mie professoresse delle medie che ho fatto diventare matte, ci provavano in tutti i modi a calmarmi ma nulla… un vero e proprio treno in corsa.”

Qual è la tua serata ideale?

“Semplice: un bel sushi o una bella pizza con mia moglie per poi spostarci a casa sul divano, coccole e tv.”

Si volta pagina, il matrimonio, una nuova vita, una nuova squadra, chi è il nuovo Stefano Laudoni?

“Un uomo a tutti gli effetti. Sono migliorato tantissimo soprattutto negli ultimi anni, grazie a mia moglie che mi ha insegnato e fatto capire tante cose che prima davo per scontate. Fiero e felice di me stesso”.

Quale sarà il prossimo tatuaggio?

“Sono sincero mi sono dato una bella calmata sono pieno abbastanza 😂😂 devo finire ancora il braccio destro quindi di lavoro ce ne sarebbe, ma ora come ora ho altri pensieri e obiettivi”.

Cosa dici ai tuoi tifosi del Vigevano?

“Che sono speciali, sono il nostro sesto uomo e senza di loro non sarebbe la stessa cosa. Ci danno quella carica in più che tutti i giocatori vorrebbero quando sono in campo. Quindi grazie a loro che ci mettono sempre cuore e anima”.

Qual è il sogno del giocatore di basket Stefano Laudoni?

“Costruire con Giorgia una famiglia meravigliosa, diventare papà e trovare sicuramente una stabilità lavorativa quando smetterò di correre dietro a quella palla a spicchi”.

Stefano Laudoni

Articolo a cura di Milena Morselli e Rita Barbarossa

Apri il link in basso e seguici sul nostro profilo ufficiale Instagram!