Sport

Daniele Lavia, miglior schiacciatore mondiale

Daniele Lavia, miglior schiacciatore mondiale

Intervista esclusiva a Daniele Lavia, pallavolista e schiacciatore italiano

DANIELE LAVIA calabrese, classe 1999, pallavolista e migliore schiacciatore italiano. 2021 Medaglia d’Oro agli Europei e nel 2022 Medaglia d’Oro ai Mondiali. Daniele Lavia entra in una pagina della storia della pallavolo italiana. Collare d’oro al merito sportivo. Terzo miglior attaccante del Mondiale, alto il livello di questo ragazzo capace di grande tecnica e grinta. Un talento predestinato alla pallavolo e a grandi risultati.

Un trascinatore per la Nazionale Italiana, che effetto ti fa?

“Ovviamente un bell’effetto, ma obiettivamente faccio ancora fatica a realizzare quello che abbiamo fatto e soprattutto di essere considerato con questo tipo di appellativo. Credo però che il trascinatore della Nazionale Italiana sia stato l’intero gruppo: coeso, compatto, giovane ed ironico al punto giusto. Il nostro successo si spiega soprattutto grazie a questi fattori”.

Qual è il tuo piatto calabrese preferito?

“Mi piace tutta la cucina in generale ma i Peperoni e Patate sono i miei preferiti”.

Che bambino era Daniele?

“Un bambino che aveva grandi sogni, che voleva fare sport e che un po’ alla volta ha trovato la sua strada anche dovendo abbandonare la sua terra d’origine, la Calabria, per realizzare il suo progetto. Ho una bellissima foto assieme a Matey Kaziyski scattata nel 2012 al palazzetto di Vibo Valentia. Sembra incredibile, ma adesso gioco con lui”.

A chi dedichi la Medaglia d’Oro?

“Forse sarà banale, ma sicuramente alla mia famiglia, alla mia ragazza e a chi ha creduto in me in questi anni perché il mio percorso per arrivare in alto non è stato sempre semplice o lineare. Sono arrivato nei top team solo nelle ultime due stagioni, prima ho fatto tanta silenziosa gavetta”.

Che giocatore è oggi Lavia?

“Cerco di essere sempre utile alla mia squadra ed il ruolo che ricopro, quello di schiacciatore, da questo punto di vista è il più adatto per inseguire tale scopo perché puoi essere d’aiuto in qualsiasi fondamentale. Non bisogno solo pensare all’attacco; anche a muro, ricezione, difesa e battuta puoi supportare la tua squadra. Io cerco di essere completo o quantomeno di provare sempre ad allenarmi per completarmi”.

Quali sono i segreti di una squadra affiatata e di valore?

“Sicuramente lo spirito di gruppo ma anche le qualità tecniche e fisiche di ogni giocatore perché puoi avere un grande gruppo ma devi avere anche le capacità di mettere a terra il pallone. Il volley è uno sport molto tecnico quindi è necessario, per essere di valore, allenarsi molto per affinare intese di gruppo ma anche qualità tecniche singole”.

Qual è il sogno del pallavolista italiano Daniele Lavia?

“Continuare ad avere sogni, obiettivi importanti sia nella mia carriera da pallavolista, sia per la mia vita. I sogni sono fondamentali per vivere”.

Daniele Lavia

Articolo a cura di Milena Morselli e Rita Barbarossa

Apri il link in basso e seguici sul nostro profilo ufficiale Instagram!